naoris.

Naoris Cyber Blockchain: una nuova speranza per la sicurezza informatica basata sulla Blockchain

Naoris, giovane start-up tecnologica con sede a Londra, ha presentato il suo nuovo prodotto Naoris Cyber ​​Blockchain al Money20/20 Asia 2018 che si è tenuto dal 13 al 15 marzo a Singapore. Sfruttando la tecnologia Blockchain la startup ha creato un nuovo mondo per la sicurezza informatica di individui, aziende e nazioni

La piattaforma Naoris è in grado di rilevare i punti vulnerabili in tempo reale fornendo azioni per risolvere qualsiasi potenziale attacco. Un vasto spettro di soluzioni in un’unica piattaforma, in altre parole un nuovo approccio per combattere le minacce dell’hacking.

Come si legge nel loro sito ufficiale “La nostra soluzione è innovativa e unica. La quarta rivoluzione industriale è qui. Crediamo che per dare prova alla nostra tecnologia alla società, dobbiamo rivoluzionare il modo in cui le istituzioni, l’industria, le imprese e gli stati-nazione si avvicinano alla sicurezza informatica”.

Utilizzando Naoris l’integrità del proprio sistema sarà garantita attraverso un framework di sicurezza distribuito rispettando standard specifici, infatti la piattaforma fornisce il primo framework decentralizzato ed anonimo di intelligence sulle minacce informatiche.

Negli ultimi 35 anni, singoli punti di errore nel sistema hanno causato i più grandi attacchi informatici del nostro tempo. Naoris muta l’attuale paradigma del singolo punto di errore.

Con Naoris installato nel tuo sistema, un hacker dovrebbe simultaneamente crackare tutti i dispositivi nella Blockchain per ottenere l’accesso a una rete, un’attività che richiede tempo e denaro”  dichiara la società al Money 20/20.

La piattaforma è supportata dagli ultimi progressi nel campo dell’IA e della scienza dei dati “Gli hacker sono stati in testa per troppo tempo e con IoT e IA che diventano la norma, la società ha bisogno di un approccio più intelligente alla sicurezza informatica. Naoris è qui”.

Conclude così il comunicato stampa di Naoris, lasciando una nuova speranza non solo per il futuro della sicurezza informatica, ma per il progresso umano.